Il Forum di affari congiunto sulle questioni legate al settore bancario,assicurativo e giuridico,che si è svolto mercoledì a Roma

iran-italia

Roma, 11 novembre 2017 – Ieri,10 novembre, a seguito di una serie di negoziati e follow-up da funzionari iraniani e compagnie di investimento, il capo della Camera di Commercio Iran-Italia ha annunciato che i restanti problemi bancari tra i due paesi saranno risolti entro due mesi.
“Purtroppo, due anni dopo che le sanzioni nucleari iraniane sono state eliminate, il volume degli scambi con l’Italia non è tornato al livello pre-sanzioni. Gli ostacoli bancari e la mancanza di copertura assicurativa sono le ragioni principali di questo “, è stato citato anche Ahmad Pour-Fallah dall’IRNA.
Il volume del commercio di Tehran-Roma è stato di circa 7 miliardi di euro nel 2010, facendo diventare l’Italia il principale partner commerciale dell’Iran tra le nazioni europee. Ma l’applicazione delle sanzioni internazionali sull’Iran ha reso difficile l’Italia di mantenere l’alto livello delle transazioni economiche e il commercio bilaterale è sceso a 1,6 miliardi di euro nel 2014.
Il capo della camera comune ha sperato che dopo che i problemi bancari tra i due paesi siano risolti, il commercio bilaterale supererà i 7 miliardi di euro.
Pour-Fallah sta conducendo una delegazione iraniana a partecipare al Joint Business Forum sui problemi bancari, assicurativi e legali, che si è svolto mercoledì a Roma. La delegazione è composta da 25 rappresentanti dei settori industriali, minerari, bancari e assicurativi.
“Siamo venuti qui per negoziare con banchieri italiani e funzionari assicurativi per risolvere i problemi il più presto possibile e questa è anche un’opportunità per le aziende italiane di espandere le loro relazioni economiche con l’Iran”, ha aggiunto.
Questo è il momento in cui la co-presidente della Camera di commercio Iran-Italia crede che le cose sono migliorate significativamente rispetto a due anni fa.
“Le imprese italiane sono attualmente determinate a lavorare con l’Iran, ma a causa di un complesso sistema bancario influenzato da banche statunitensi, i finanziatori internazionali e italiani non sono ancora in grado di impegnarsi in rapporti finanziari con l’Iran” ha aggiunto Pier Luigi d’Agata.
Significanti legami
D’Agata ha notato che l’evento è stato un evento importante con una delegazione iraniana composta da rappresentanti di banche, assicurazioni e società commerciali che arrivano in Italia per valutare diversi aspetti delle attività economiche e delle relazioni finanziarie.
Il capo della filiale di Bank Sepah ha anche partecipato al forum, in cui ha detto che la sua banca, con l’aiuto dell’ambasciata iraniana in Italia, è riuscita ad acquisire la licenza operativa dell’autorità monetaria italiana ed ora è pronta ad offrire tutti i tipi di servizi finanziari.
“Abbiamo buone relazioni con banche italiane come Banca Monte dei Paschi di Siena. Dall’accordo nucleare iraniano, abbiamo ricevuto più di 1,5 miliardi di euro di linee di credito e li abbiamo assegnati ai nostri clienti che sono per lo più italiani e questo è il momento che il volume di LOC è previsto superiore a 3 miliardi di euro entro la fine del 2017, ” ha aggiunto Faramarz Ghamkhar.
Ha notato che la filiale di Bank Sepah di Roma ha anche trasferito circa 1,5 miliardi di euro di rimesse in cambio dall’Iran verso l’Italia, il che indica che non c’è alcun problema nell’invio di denaro dall’Iran verso l’Italia.
“A causa della richiesta dei nostri clienti italiani, abbiamo rilasciato una serie di garanzie bancarie e lettere di credito a lungo termine, nonostante il fatto che abbiamo avuto dei problemi nel trasferire i fondi alla nostra fonte iraniana. Quindi abbiamo dovuto negoziare con altre banche italiane e siamo riusciti a trovare altri modi per ottenere il lavoro “, ha concluso il funzionario di Bank Sepah.
Ghamkhar ha notato che con il sostegno dei funzionari monetari e finanziari italiani “siamo pronti ad offrire tutti i tipi di servizi finanziari e non abbiamo alcun problema nel rispettare le norme internazionali contro il riciclaggio di denaro, in quanto riducono anche i rischi delle nostre attività”.
Anche il rappresentante della Banca Monte dei Paschi di Siena è presente al forum e ha notato che prima delle sanzioni nucleari iraniane, la loro banca gestiva oltre il 60% delle transazioni finanziarie tra l’Iran e l’Italia.
“Dato che le sanzioni sono alleggerite, abbiamo aperto dei conti per una serie di banche iraniane e hanno scambiato con loro alcuni codici SWIFT. Annuncio che siamo completamente pronti ad offrire tutti i tipi di servizi bancari agli iraniani “, ha aggiunto Marco Fasolo.
Il commercio bilaterale tra l’Iran e l’Italia nei primi tre mesi del 2017 è stato di 1,2 miliardi di euro, facendo diventare l’Italia il principale partner commerciale dell’Iran nell’Unione europea nel periodo.

EDI.MAR. sas di Gennaro Scotto Pagliara P.IVA 07668030633 - Tutti i diritti sono riservati ® Copyright 2008